Speedlinking post: ecco come sfruttarli al massimo

Ci sono una serie di passaggi per approfondire il concetto di post con link rapidi e veloci. Sto parlando dei speedlinking post. Sai cosa sono e come puoi usarli nel miglior modo possibile?

Darren Rowse è conosciuto per la sua attività di blogger. È uno dei primi che è riuscito a guadagnare con il blog. E ha coniato il termine speedlinking post, una raccolta di link, introdotti da una frase piuttosto breve, che approfondiscono.

Devi essere veloce sul web.

Perché dovresti usare dei speedlinking post? Perché le liste piacciono, risparmi tempo, introduci una nuova tipologia di contenuto, forse riuscirai a guadagnare link. Ma i veri motivi per cui conviene usare i speedlinking li trovi in questa lista.

Come creare un speedlinking post

Sembra facile elencare una serie di link in una pagina web, vero? In realtà ci vuole arte anche in questi casi, perché devi raccogliere le risorse utili al tuo target.

E diventare decisivo con i collegamenti: le persone devono aspettare la tua pubblicazione con ansia. Ecco come devi muoverti se vuoi scrivere un post efficace.

  • Sono facili da scrivere – Basta una lista con i titoli, i link e un minimo di descrizione: la soluzione migliore quando devi uscire a cena o vuoi concentrarti su altri contenuti!
  • Indirizzano il lettore verso risorse interessanti –  Non tutti hanno voglia di passare ore a setacciare il web per trovare risorse. Rendi le cose più facili e, una volta ogni 2 settimane, scrivi uno speedlinking post con i link che hanno rapito la tua attenzione.
  • Restituiscono link – Ottimo per restituire il piacere a chi, in passato, ti ha linkato.
  • Sono molto social – I speedlinking post si caratterizzano per buona quantità di commenti, traffico rispettabile, e possibilità di intavolare discussioni con altri blogger, curiosi di vedere ciò che hai scritto su di loro e smaniosi di lasciare un ringraziamento.

Devi lavorare con le fonti. Se hai deciso di avviare una rubrica di speedlinking post ti conviene usare il block notes per segnarti tutti gli articoli interessanti (puoi usare Feedly), scegliere un nome per la rubrica e stabilire un ritmo di pubblicazione.

Strategie social e link interni

Puoi anche puntare sui link interni, decisivi per una buona ottimizzazione SEO del blog, e dedicare la rubrica alle tue risorse. Ma elimineresti tutti i vantaggi social. Il mio consiglio: alterna. Lavora un po’ con le risorse esterne e un po’ con gli articoli.

Speedlinking post
La velocità è tutto sul web.

Così gli equilibri sono assicurati. Riguardo all’intervallo di tempo, non è necessario: puoi pubblicare i tuoi speedlinking post una volta a settimana, come se fosse una sorta di rassegna, oppure agire in maniera assolutamente casuale.

Da leggere: come creare un pillar article di successo

Speedlinking post: la tua opinione

Questa è un’altra soluzione per migliorare il tuo blog e per arricchire il calendario editoriale. Il tutorial ha uno scopo, il cornerstone content un altro: con uno speedlinking post fai breccia nell’interesse delle persone, cerchi di soddisfare un’esigenza e aspetti una reazione. Sei d’accordo? Userai questi post?

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

5 COMMENTI

  1. A distanza di un anno dai miei precedenti commenti posso dirti che effettivamente l’utilizzo di speedlinking interni è utile soprattutto per allungare il tempo di permanenza al sito. Una buona strategia.

    • Mi fa molto piacere leggere il tuo commento, vuol dire che ogni tanto qualcosa di buono la metto in campo 🙂

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here