stampaIl peggior difetto di un blogger? Pensare di non avere nulla da imparare dal mondo offline. Apri gli occhi, troverai sempre qualcosa di interessante per migliorare la tua attività.

Tu lavori con la comunicazione, e il mondo intorno a te si muove grazie allo scambio di informazioni: basta osservarlo da una prospettiva diversa per trovare sempre nuove idee.

Ieri, ad esempio, sfogliando la rivista Casamica (un inserto de Il Corriere della Sera) ho individuato 5 modi per migliorare la leggibilità dei tuoi post e per attirare l’attenzione dei lettori. La carta stampata può insegnare qualcosa a un blogger? Certo, guarda un po’…

Immagine I
Immagine I

Immagine I – In questa prima scansione ci sono due porzioni di testo separate dall’articolo. Nel primo si definisce il menu, nel secondo una serie di informazioni utili. Una cornice gialla evidenzia quest’ultimo e lo rende immediatamente visibile.

Immagine II
Immagine II

Immagine II – Ancora una porzione di testo separata dall’articolo, ma questa volta la grafica aiuta l’occhio a individuare le informazioni: il font è di colore differente, un colore che si ritrova anche nel cerchio/freccia.

Immagine III
Immagine III

Immagine III – Un modo diverso di intendere la didascalia. Il testo incornicia l’immagine e diventa un orpello, un accessorio che non contrasta con l’armonia dell’immagine. Ma la aiuta a definirsi. Senza disturbare la vista.

Immagine IV
Immagine IV

Immagine IV – Due colonne di testo, un classico della carta stampata. E poi una stringa centrale che racchiude informazioni preziose. Sarebbero state lette se le avessero inserite all’interno dell’articolo? Io non credo.

Immagine V

Immagine V – Il testo evidenziato e separato dal corpo principale si arricchisce con un titolo, con un indirizzo web per approfondire il tema e con una immagine in stile oblò. Come fai a non leggere questo trafiletto?

Devo essere sincero

Io credo che questi artifici grafici, riportati con destrezza sulla pagina web, siano perfetti per attirare l’attenzione del lettore. Il blog di Antonio Lupetti, Woork Up, ne è la prova: basta una percentuale e una frase su una foto in bianco e nero per attirare lo sguardo del lettore.

woork up
La rabbia degli investitori contro Facebook

Ma per mettere in pratica queste tecniche devi avere buone basi di design. Altrimenti rischi di fare solo guai. Però… ehi, vuoi fare un investimento sul tuo blog? Questa potrebbe essere la strada giusta.

Anche a te piace questo stile o preferisci il classico testo nero su pagina bianca?

Fonte immagine

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

5 COMMENTI

  1. Web e carta stampata sono due cose diverse, quindi starei attento a rubare certi trucchi, nel senso che bisogna comunque considerare che poi vanno adattati al web.

    Anche io uso qualche trucco per attirare l’attenzione dei lettori, per esempio creo box e banner, ma prima di tutto faccio in modo da mantenere alta la leggibilità del testo.

    Per i post, comunque, testo nero su fondo bianco.

  2. Ciao, e innanzitutto complimenti e grazie per la ricerca. E’ un bell’articolo, pero’ credo anch io, come dice daniele, che bisogna far distinzione tra la carta stampata e il web (che nasce anche come contrasto alle regole della stampa, e ne permette commenti e diffusione in maniera diversa). Inoltre a volte mi è sembrato (come per esempio nel caso del testo tra le due pagine) che ci fosse troppo scritto, e che l’attenzione del lettore dovrebbe essere piu’ attratta dai contenuti, interessanti, brevi e concisi, che non facciano perdere tempo e trovare schemi di cio’ che si dice per rendere piu’ semplice e veloce la comprensione dell’articolo (come le immagini che tu hai postato). Magari questa ipotesi puo’ integrarsi alla tua, per fare in modo che i richiami a bordo pagina e gli altri “trucchi” utilizzati dalla stampa, possano innanzitutto fornire un semplice riassunto di cio’ che si dice nell’articolo (invece che informazioni magari ridondanti e ripetitive) e poi adattarsi bene alla configurazione del web e di un articolo web (ricordiamo per esempio che in un articolo web si possono inserire link ad altri articoli, o video, cosa non possibile con la stampa). Comunque, un’ottima osservazione la tua, da tenere in conto 🙂 Grazie ancora! Eugenio | Social Engagement Agenzia SEO

    • Cioa Eugenio,

      Come tutte le cose che attraversano due mondi come il web we la carta stampata, bisogna andare per gradi. E non tradurre pari passo tutto ciò che appartiene a un mondo all’altro.

      Questo significa che le idee sono utili per aprire la mente, ma forse non possono essere riproposte pari passo sul web.

  3. Ciao Riccardo, condivido il tuo pensiero, e come gia’ ti ho detto, apprezzo la tua ricerca e la tua idea di associare il web alla stampa. Credo che la cosa piu’ bella sia la possibilita’ di sperimentare cose nuove.. soltanto dopo che uno sperimenta potra’ dire se l’idea era piu’ o meno valida 🙂 quindi, tentar non nuoce 🙂 sarebbe bello riunire qualche tecnica dello stampato con gli stili online, ovviamente con le dovute attenzioni.. Spero potremmo restare in contatto per altre discussioni ed opinioni.. io gia’ ti seguo, se ti va di restare in contatto anche tu, puoi trovarmi su socialengagement.it (parlo di seo) sui vari social (i link sono nel sito), e su twitter @socialengaged 🙂 un saluto!

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here