Tutti i blog possono monetizzare?

Questa è una delle domande tipiche per chi inizia a fare un buon lavoro di scrittura e pubblicazione online: posso guadagnare con qualsiasi tipo di progetto editoriale?

In teoria sì, tutti i blog possono monetizzare. In un modo o in un altro. Quelli aziendali nascono proprio per questo, quelli personali possono scegliere vie differenti.

Tutti i blog possono monetizzare
Come monetizzare un progetto online.

Una domanda che può mettere in difficoltà chi ha tante certezze. È possibile guadagnare con il blog, è chiaro. E se organizzi le tue azioni con lungimiranza puoi ottenere grandi risultati. Lo sa bene chi lavora con le affiliazioni e le recensioni online.

Studi bene il contesto, definisci una nicchia redditizia, lavori sodo con l’ottimizzazione SEO on page, fai una buona attività per ottenere link in ingresso e giochi le tue carte. Certezze non ce ne sono, ma puoi avvicinarti al concetto di lavoro ben fatto.

Prospettive differenti, stesso risultato

Gli scienziati del web fondano e sviluppano progetti editoriali intorno ad argomenti remunerativi, con un buon interesse da parte del pubblico. E riescono a guadagnare grazie alle percentuali che le aziende offrono ai publisher. Poi c’è la vendita degli spazi web, la soluzione preferita da chi attira tanto traffico sul proprio dominio web.

Vuoi guadagnare di più con Adsense? Oggi è molto difficile. Puoi tamponare con la vendita dei banner, o magari con la pubblicazione di recensioni utili ai lettori.

Rispettando le regole di Google che, come ben sai, sono dure nei confronti di chi compra link dai blogger. Ma anche verso chi li vende Mountain View non scherza. Quindi non puoi guadagnare dispensando link, devi puntare sulle opinioni.

E per fare questo hai bisogno di un pubblico. Anzi, devi trovare il giusto equilibrio tra qualità e quantità. Aumentare le visite del blog è importante per chi vuole monetizzare il blog, ma non sempre è così. Le regole cambiano, fare soldi online non è semplice. E neanche banale. Quindi non basta portare tanta gente sul sito.

Cambio di scenario. Sei un libero professionista, hai un’azienda dedicata a un settore. Non vuoi vendere spazi pubblicitari, non vuoi sporcare i post con sponsorizzazioni più o meno evidenti. Vuoi essere il contenuto tanto atteso e ambito dal pubblico.

Per approfondire: fare un preventivo e guadagnare di più

Largo all’inbound marketing online

Inbound marketing, ti fai trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. Anche una recensione ragiona in questo modo, ma si differenzia rispetto al metodo in cui il blogger monetizza. Non ci sono incassi legati all’interruzione della lettura.

Il libero professionista si muove su questa linea, lo stesso vale per l’azienda. Qui non si guadagna con i click su Adsense o proponendo un prezzo in base alle potenziali visite. O ancora portando vendite che fruttano una percentuale. Molti usano il blog per guadagnare in modo indiretto. Proponendo servizi ai potenziali clienti online.

come monetizzare un blog
Come fatturare con un blog.

Il calendario editoriale definisce le pubblicazioni, gli articoli si posizionano su Google e intercettano il traffico dei clienti. Le persone arrivano, leggono il post, vengono inviate verso le landing page che hanno un unico scopo. Generare lead o vendite.

Ed è questo un modo per fatturare. Puoi aprire un blog e monetizzare? Nel breve periodo no se vuoi puntare su questa idea per guadagnare online seriamente.

Garantire un flusso di clienti con i contenuti è un investimento da imprenditore. Ma non puoi pretendere tutto e subito, non è un modello sempre valido.

Un blog personale può monetizzare?

Un’altra domanda degna di nota. Con un progetto professionale devi creare un piano editoriale per blog e organizzare le pubblicazioni in base agli obiettivi.

Ma questo vale anche per un blog personale? Puoi monetizzare un blog che nasce senza uno principio economico? Se è focalizzato intorno a un tema preciso è possibile.

Si tratta di affilare uno strumento già modellato intorno a un tema. Puoi creare un blog per passione, e poi attirare dei clienti in un secondo momento. Quindi lo rendi adatto alla lead generation. O all’advertising. Il vero problema? I blog non verticali.

Quelli, cioè, che non sono dedicati a un argomento concreto. Cucina, viaggi, moda, fai da te, web marketing, sport: in ogni caso puoi rispondere a un’esigenza concreta. Ma quando non affronti un topic e ti limiti a raccontare episodi individuali?

Devi vendere la tua storia

Il professionista usa il blog per farsi trovare e lanciare la propria professionalità. Chi vende spazi pubblicitari (banner, recensioni, affiliazioni, Adsense) propone la capacità di intercettare l’audience giusta. Un diario personale, invece, punta sulla storia.

Se non vuoi usare il blog per farti conoscere questa è la soluzione: vendere un infoprodotto, un ebook con una raccolta. Esempio, sono un blogger con una grande community.

Ma senza un pubblico specialistico. Le persone mi seguono perché sono divertente. O perché trovano interessanti le mie riflessioni. La pubblicità sarebbe fuori luogo, un flagello di Dio. Idem cambiare argomento del blog e puntare su temi tecnici.

Monetizzare un blog
Una buona definizione di successo.

Con un buon prodotto (digitale o cartaceo) puoi risolvere il problema. Le migliori frasi di Osho, ad esempio, ha fatto così: ha monetizzato la pagina Facebook raccogliendo i contenuti in un libro. Ti piace come idea per guadagnare?

Da leggere: scegliere argomenti profittevoli di nicchia

Monetizzare un blog: la tua opinione

Puoi monetizzare un blog in ogni situazione. In teoria. Nella pratica ci sono decine di ostacoli da superare. E tu devi essere in grado di procedere verso l’obiettivo. Sei d’accordo con questo? Tutti i blog possono guadagnare secondo te?

15 COMMENTI

  1. Non solo Osho, penso ad esempio a Boom! Sei stato friendzonato.
    Ecco l’unica vera via per pagine e blog come il mio di poter monetizzare; anzi, l’unica delle due vie. L’altra è quella di farsi un nome, un marchio e una credibilità per pubblicare altro (un romanzo, una guida ecc… slegati dal blog o pagina).

    Moz-

  2. Tutti i blog possono guadagnare, dipende solamente da come lo fa il blogger. Se mi piazzi 200 banner o mi scrivi COMPRA QUI senza raccontarmi niente la vedo dura.

    Ho letto un libro molto interessante (“Contagioso: Perchè un’idea e un prodotto hanno successo e si diffondono – Jonah Berger”) dove l’autore scrive: “Le narrazioni offrono dunque la possibilità di parlare di prodotti ed idee“.

    Come ho scritto in un mio post sul mio blog (https://goo.gl/Q9wk9C) per vendere con il blog devi avere il tuo “Cavallo di Troia” e in questo caso è la narrazione.

    La narrazione ti permette di entrare in sintonia con il tuo lettore, se racconti una storia che coinvolge il lettore e che parli del prodotto/idea allora (secondo me) il click sul tasto “compra” arriverà da solo.

    • Ciao!

      Narrare e vendere, questa è una buona combinazione. A volte però il problema è: cosa vendo? Se non sono un professionista che ha bisogno di nuovi clienti, se non ho un prodotto e se non voglio inserire pubblicità. In Questo caso cosa sponsorizzo?

  3. Per me si tratta principalmente di ottenere la tanto agognata “visibilità”: mi è capitato di ricevere proposte grazie a ciò che ho scritto sul Web (blog incluso).

    Niente di trascendentale – ma con il tempo qualche “ruota” inizia a girare… 🙂

    Quindi, se “monetizzare” nel senso più stretto della parola è forse difficile per un blog personale (non fosse altro che per il rischio di “deludere” i lettori con banner a go go, come giustamente ricordato), direi che di opzioni alternative ne abbiamo 🙂

    • Certo, l’ipotesi di farsi notare da altri che ti propongono collaborazioni extra blog (cioè fuori dal tuo dominio) è una possibilità interessante. Devi essere sempre pronto e capace di proporre il prezzo giusto.

  4. A mio avviso non tutti i blog possono guadagnare, perchè non tutti i settori / argomenti sono attualemente monetizzabili, soprattutto nel piccolo mercato italiano. Comunque se si lavora sodo e di qualità su argomenti redditizi si può guadagnare piuttosto bene, anche se oggi per far andare bene un blog ci vuole un team (ovvero non si può fare tutto da soli come era possibile fino ad attorno al 2006): SEO, Copy e Web Marketing sono attualmente indispensabili se si vuole davvero guadagnare online.

    • Però puoi provare a crearlo l’interesse. Molto difficile, lo so. Chiaramente ci sono settori che ti consentono di monetizzare meglio am sono anche molto difficili a causa della concorrenza.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here