Come gestire e usare la punteggiatura nelle liste

Di Riccardo Esposito | Pubblicato il - Aggiornato il

La punteggiatura nelle liste puntate e numerate suggerisce di mettere un punto e virgola (;) o un punto (.) alla fine di ogni voce, a seconda dello stile di formattazione. In ogni caso devi mantenere coerenza all’interno della lista.


La punteggiatura nelle liste puntate e numerate è semplice: bisogna usare il punto e virgola alla fine di ogni elemento e il punto fermo alla fine della lista o dell’elenco.

punteggiatura nelle liste
Come si mette la punteggiatura nelle liste.

Le lettere iniziale dei vari elementi deve essere minuscolo, sia per le liste puntate che per quelle numerate. In questo modo si rispettano le regole della punteggiatura. Ma è sempre così? Non proprio. La punteggiatura nelle liste non è così piatta.

Cosa sono le liste puntate?

Partiamo da una definizione: cosa sono le bullet list? Soluzioni che permettono di organizzare il testo in modo ordinato. Nella maggior parte dei manuali di leggibilità, infatti, la lista puntata viene indicata come soluzione definitiva. Ecco cosa è la lista puntata.

Permette di risparmiare energie cognitive. Il lettore non deve interpretare, non deve neanche cercare le informazioni o i passaggi. Il lettore deve solo consultare e scorrere lo sguardo alla ricerca dell’informazione giusta. Tutto questo è fantastico, vero?

Creare liste e gestire punteggiatura

Per fare una lista puntata o numerata con WordPress basta utilizzare il blocco Gutenberg specifico che ti permette di ordinare gli elementi. Se stai lavorando su una pagina web vuoi fare una lista puntata in HTML senza editor. Quali sono i tag HTML utili?

Per creare liste puntate e numerate in HTML, puoi utilizzare gli elementi <ul> per il primo caso e <ol> nel secondo. Insieme ai tag <li> per definire gli elementi. Ecco come puoi utilizzare questi tag (con apertura e chiusura) per creare liste non ordinate.

<ul>
  <li>Elemento A</li>
  <li>Elemento B</li>
  <li>Elemento C</li>
</ul>

Per la lista puntata (Unordered List) puoi aggiungere il tag <ul> e all’interno inserire gli elementi utilizzando l’elemento <li>. Lo stesso puoi fare con la lista numerata solo che si apre con <ol>. Ovvero Ordered List. E puoi personalizzare tutto con il CSS.

Elenco dopo i due punti

Iniziamo i vari esempi di punteggiatura e lista nella scrittura. L’ultima frase prima dell’elenco puntato o numerato si conclude con un due punti. Ogni voce della lista termina con il punto e virgola (solo l’ultimo da punto fermo) e inizia con minuscola.

Continuiamo con il buon uso della lettera maiuscola e minuscola nelle liste. Nell’elenco puntato o numerato si segui regole del testo ordinario e dopo il punto e virgola non ci vuole la maiuscola. Idem per la prima voce: nell’elenco puntato si inizia con la maiuscola.

Elenco dopo punto fermo

Negli elenchi puntati ci va il punto? Se l’ultima frase prima dell’inizio della lista è conclusa e terminata, di senso compiuto, puoi chiudere ogni elemento da un punto fermo e iniziare ogni successivo con la maiuscola. Altrimenti in minuscolo e niente punto.

Differenza tra frase e periodo

Secondo Nielsen, se gli elementi dell’elenco puntato sono frasi di senso compiuto devi scrivere in maiuscolo la prima parola di ogni elemento e usare il punto finale. Questo è vero soprattutto se c’è punteggiatura all’interno del singolo elemento.

esempio elenco puntato con punteggiatura
Come scrivere un elenco.

I passi sono frasi di una sentenza più complessa? Non devi utilizzare la chiusura finale. Non è necessario scrivere in maiuscolo la prima parola di ogni step. In sintesi?

La punteggiatura nelle liste

  • Se la frase è breve e di senso compiuto chiudi con il punto.
  • Se è parte di un discorso continuativo preferisci il punto e virgola.
  • Usa la maiuscola se la frase nella lista puntata è indipendente.
  • Va bene la minuscola se c’è un flusso continuo.

Riccardo Esposito

Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online (bio di Riccardo Esposito).

Categoria: Scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto