Cos’è un abstract di una tesi o un articolo e come si scrive?

Di Riccardo Esposito | Pubblicato il - Aggiornato il

Per scrivere l’abstract di un articolo o una tesi di laurea devi dare al lettore una sintesi efficace del contenuto. Individua gli elementi più importanti e riassumi in un testo minimo il maggior numero di informazioni sul lavoro svolto.


Se hai avuto modo di lavorare su un articolo scientifico o stendere una tesi di laurea avrai sicuramente avuto modo di scrivere un abstract. Ovvero la sintesi di un contenuto che aiuta il tuo lettore a comprendere cosa si trova di fronte. Perché è importante?

come si fa un abstract

Un responsabile editoriale potrebbe accettare o meno il tuo lavoro, un professore universitario si può interessare oppure no al tuo operato. Ma, soprattutto, il tuo pubblico ha il diritto di poter decidere in modo chiaro se leggere o meno il contenuto.

Ecco perché dobbiamo capire come si crea un abstract per il tuo prossimo lavoro e che tipo di struttura dare a questo sunto introduttivo per tesi e articoli scientifici.

Cos’è un abstract e a cosa serve

L’abstract è una sintesi, il riassunto di un documento. Si trova tra il titolo e il contenuto principale che può essere un articolo di ricerca, una tesi di laurea, una relazione o una presentazione. L’obiettivo di un abstract: fornire una panoramica chiara e concisa del contenuto e delle conclusioni del documento senza dover leggere l’intero testo.

Da leggere: come scrivere un articolo di giornale

Qual è la lunghezza ideale di un abstract?

Il principio che dovrebbe guidare la scrittura di un abstract è la sintesi. Quindi, un sunto introduttivo per tesi e articoli non deve essere particolarmente lungo.

Di solito, un descriptive abstract efficace contiene massimo 250 parole, circa una pagina A4. Ecco una definizione della lunghezza ideale dei vari tipi di abstract.

Tipo di DocumentoLunghezza massima dell’Abstract
Articoli, saggi, monografie.250 parole
Note, comunicazioni brevi100 parole
Editoriali, lettere alla redazione30 parole
Documenti lunghi come monografie e tesi300 parole

In linea di massima, puoi scrivere l’abstract strutturato come un singolo paragrafo. Negli abstract più lunghi, però, i punti affrontati nel testo possono essere presentati in diversi blocchi di testo con dei titoletti introduttivi per migliorare la leggibilità del testo.

Posizione dell’abstract in un articolo o nella tesi

Stai già raccogliendo informazioni su come si scrive un abstract ma vuoi sapere, in primo luogo, dove si colloca. Ebbene, la risposta è semplice: l’abstract, la sintesi del tuo contenuto, si mette all’inizio. Tra headline, ovvero il titolo, e l’introduzione, in generale.

Poi ci sono indicazioni specifiche. Ad esempio, dove va messo l’abstract in una tesi? Questo testo si inserisce dopo la prefazione e prima dell’indice generale dei capitoli e paragrafi. Non includere riferimenti bibliografici o note a piè di pagina nell’abstract.

Quali sono gli standard per scrivere un abstract?

Prima di iniziare un abstract dovresti consultare gli standard internazionali per creare questa parte del documento. In linea di massima, le metodologie compilative rispondono alla Norma ISO 214-1976 Documentation – Abstracts for publications and documentation o all’ANSI/NISO Z39.14-1997 Guidelines for Abstracts.

Perché devi scrivere un abstract?

In molti ambiti, tipo quelli accademici, la scrittura dell’abstract è obbligatoria. Non puoi scegliere se scrivere o meno questo contenuto introduttivo e illustrativo.

Perché è necessario dare una panoramica dell’argomento evitando inutili letture: devo sapere se un tema mi interessa o no. Quindi l’abstract di una tesi o un articolo deve:

  • Risvegliare l’interesse del pubblico.
  • Includere informazioni chiave
  • Offrire una comprensione generale del contenuto.

Gli abstract sono importanti per aiutare a decidere se un documento pubblicato è rilevante per le esigenze del pubblico e per ottenere una visione generica del testo prima di impegnarsi nella lettura. Tutto ciò è importante per risparmiare tempo prezioso.

Quindi, quando si usano gli abstract? Queste sintesi sono utilizzati nel contesto accademico e scientifico (articoli di ricerca, tesi, relazioni), a differenza delle sinossi che riguardano il mondo dell’intrattenimento tipo su riviste dedicate a serie TV e film.

Oltre a sinossi e abstract, abbiamo anche l’executive summary. Ovvero una panoramica sintetica e informativa di un documento aziendale. È scritto per dare un’anteprima rapida delle informazioni. L’obiettivo è ottenere una comprensione immediata dei punti chiave senza leggere l’intero documento.

Come si scrive un abstract efficace

Scrivere abstract tesi di laurea triennale o specialistica non è facile. Perché il rischio è quello di concentrarsi su aspetti non necessari o addirittura fuorvianti, ecco perché è utile concentrarsi su come si crea questa presentazione sintetica di articoli e tesi.

Individua i punti chiave dell’elaborato

Il primo consiglio per creare un abstract efficace per tesi di laurea e articoli scientifici: devi conoscere a fondo l’elaborato. Soprattutto, hai bisogno di individuare ciò che conta veramente. Inizia a sintetizzare il lavoro svolto e a realizzare una mappa mentale.

In questi casi utilizzo sempre Coggle, un software perfetto per organizzare le idee. Ricorda che un abstract non deve mai avere informazioni aggiuntive rispetto al testo principale. Lo stesso vale per tabelle o grafici per illustrare i dati in modo approfondito.

Scegli il tipo di abstract da scrivere

La sintesi spiega obiettivo, metodi, risultati e conclusioni in modo. È usato nella scrittura accademica e scientifica. Alcuni tipi di abstract sono più brevi e si concentrano sull’obiettivo e sulla struttura. Altri evidenziano il contesto, le implicazioni e le relazioni tra i diversi elementi. Magari con opinioni e giudizi sull’approccio usato.

  • Informativo o descrittivo: riassunto dettagliato del contenuto.
  • Indicativo: panoramica generale senza dettagli dei risultati.
  • Analitico: va oltre la descrizione dei fatti, analizza e interpreta.
  • Critico: supera analisi e interpretazione, offre una valutazione.
  • Executive summaries: presentazione per dirigenti di un’azienda.
  • Strutturato: ha sezioni distinte per individuare le informazioni.
  • Narrativo: racconta una storia o un evento con la scrittura creativa.
  • Annotazioni (annotations): indicazioni sintetiche dell’argomento.

L’abstract di revisione letteraria sintetizza una serie di studi o articoli su un argomento specifico, fornendo una panoramica delle principali scoperte e tendenze nel campo di ricerca. Nell’editoria, specialmente nel campo dei libri, l’abstract riassume il contenuto di un’opera in modo da attirare l’interesse dei potenziali lettori.

Segui una struttura per scrivere l’abstract

Una volta individuati i punti fondamentali, puoi iniziare a impostare la scaletta di scrittura dell’abstract. Un documento di sintesi per tesi triennali/specialistiche e presentazioni deve seguire una struttura ben precisa. Ecco come si scrive un abstract efficace.

  • Obiettivo: inizia con una breve introduzione per presentare il contesto dell’opera.
  • Metodo: descrivi l’approccio utilizzato nello studio o nella ricerca.
  • Risultati: presenta dati importanti senza entrare in troppi dettagli.
  • Conclusioni: sottolinea le conclusioni, anticipando i punti essenziali.

Indica se l’obiettivo è stato raggiunto e quali sono le implicazioni per il settore. In alcuni casi, soprattutto per gli articoli scientifici, è utile scrivere una sezione che discute delle possibili implicazioni dei risultati o del loro impatto sulla teoria e sulla pratica.

Prova a usare ChatGPR per scrivere un abstract

Vuoi usare ChatGPT per fare copywriting? Usa questo prompt: Scrivi un abstract di massimo 250 parole dividendolo in obiettivo, metodi, risultati e conclusioni. Ecco le informazioni:. Ovviamente devi dare tutte le indicazioni per generare il tuo contenuto e revisionare a fondo prima di pubblicare.

Inizia il tuo abstract dando informazioni chiare

Nella prima frase di un abstract, evita di ripetere il topic del documento se questa informazione può essere dedotta dal titolo. Per iniziare un abstract permetti subito al lettore di capire quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere con questa sintesi.

Punta sulla semplicità, sintetizza e riduci

Un abstract deve usare il minor numero possibile di parole per raggiungere il miglior risultato possibile. Devi scrivere un testo informativo e funzionale, quindi riduci il numero di parole inutili a favore di una terminologia chiara ed efficace.

Nello specifico, possiamo dire che la scrittura di un abstract informativo è rivolta soprattutto alla sintesi e alla scelta accurata delle informazioni. Ma al tempo stesso, proprio come quelli indicativi o descrittivi, sono autonomi rispetto al contenuto principale.

Usa una terminologia semplice e facile da comprendere

Evita termini complessi, acronimi, abbreviazioni e concetti astratti. Definisci gli acronimi la prima volta che si presentano. Non usare negazioni (scrivi malsano al posto di non salutare) e preferisci forme verbali indicative. Bypassa incisi lunghi e complessi.

Aggiungi delle keyword alla fine dell’abstract

Un abstract termina con le conclusioni e mettendo do un elenco di keyword che indicano concetti trattati. Queste parole chiave aiutano i lettori a individuare l’argomento. Ma permettono anche di far trovare il contenuto nelle liste di articoli e tesi universitarie.

Alcuni esempi di abstract scientifici

Per capire come fare un abstract devi avere dei riferimenti chiari per evitare errori. Ad esempio, posso inserire questa sta sezione in alto o anche di lato? Questo paper scientifico ci dimostra che è possibile avere un abstract anche sul lato sinistro.

esempio di abstract scientifico
Esempio di abstract laterale.

Qui in alto hai la collocazione del sunto in un articolo scientifico. Come puoi notare, ci sono le keyword alla fine del documento. Nell’esempio di abstract in basso, invece, si aggiungono anche delle informazioni specifiche per contestualizzare il testo.

scrivere un abstract
Esempio di abstract scientifico.

Infatti, oltre all’abstract e alle keyword identificative – utili anche per l’ottimizzazione SEO nei motori di ricerca e nei database interni – ci sono dei riferimenti temporali rispetto a quando è stato ricevuto il contenuto. Sono indicazioni importanti per i testi scientifici.

Da leggere: come scrivere un testo espositivo e informativo

Domande su come scrivere un abstract

Quante parole deve avere l’abstract?

Massimo 250, questo è il numero di termini che dovrebbe aiutare un lettore a capire qualcosa in più di un articolo scientifico. Ma quanto deve essere lungo un abstract della tesi? Circa 300 parole ma dipende dalle regole interne di ogni ateneo.

Dove si inserisce l’abstract?

Il testo di sintesi si trova all’inizio del documento, tra titolo e introduzione. In alcuni casi, come quando si scrive una tesi di laurea, l’abstract si colloca tra prefazione e indice.

Qual è la differenza tra abstract e introduzione?

L’introduzione è una parte del lavoro svolto che spiega motivazioni, preamboli, retroscena; l’abstract è un riassunto della ricerca svolta o del progetto presente nella tesi. Inoltre, l’introduzione è collegata all’intero corpo mentre l’abstract è autonomo.

Riccardo Esposito

Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

Categoria: Scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto