Come verificare le fonti: 17 tool per il Fact Checking

Come si valutano le fonti online e in che modo posso prendere in esame l'attendibilità di una notizia? Ti lascio una serie di tool fondamentali, e gratis, per blogging e web journalism

Gli strumenti per verificare le fonti fanno parte della toolbox indispensabile se il tuo lavoro è quello della scrittura online. Ma non solo, anche chi comunica con video e immagini ha bisogno di capire se una fonte è affidabile, ma soprattutto attendibile.

strumenti per verificare fonti
E importante provare l’autenticità di una fonte

Come si valuta la qualità di una fonte? Devi valutare l’autore, come è stato affrontato l’argomento ma soprattutto devi mettere a confronto una serie di dati. In che modo? Ecco i tool per confermare le fonti che ti consentono di scrivere gli articoli.

Newsguard

Come scrivere un articolo di giornale se non hai la possibilità di verificare le fonti che ti servono per creare il tuo contenuto online? Tra i diversi strumenti per verificare fonti consiglio Newsguard. Vale a dire un progetto che ha al centro il bisogno di provare l’autenticità di una fonte per chi vuole scrivere un articolo di giornale.

Grazie a questa estensione del browser, disponibile per Chrome e Firefox ma non solo, puoi scoprire se una news è stata valutata come attendibile o meno.

Questa valutazione arriva dalla redazione di questo servizio che rispetta una serie di criteri per verificare se un sito web pubblica notizie false oppure no.

Grazie a questo controllo dell’informazione puoi avere delle verifiche incrociate. E se la news in questione può essere definita fake al 100%, credibile, trasparente, satira o user generated content senza verifica.

Agenzia Agi

Forse l’agenzia più autorevole in Italia per la verifica fake news. Se hai dubbi su eventuali notizie false o distorte che girano online puoi andare su agi.it/fact-checking e verificare come stanno i fatti. Essenziale prima di condividere una notizia o un link.

Per approfondire l’argomento e trovare altri siti che si occupano di fact checking puoi dare uno sguardo a questa lista stilata da Agcom che comprende portali e progetti sia italiani che internazionali.

Hunter

Per verificare una fonte devi parlare con le persone giuste. Hunter è un tool che ti consente di trovare l’indirizzo email di qualsiasi persona sulla faccia della terra.

Hunter
Trova le email utili al tuo lavoro.

Basta inserire il nome dell’organizzazione, dell’azienda o dell’ufficio (funziona anche con il Governo Italiano) per trovare le email delle persone. Per il momento sono oscurate, devi avere l’account gratuito e sbloccare i risultati. Ne vale la pena.

Da leggere: come fare SEO per giornalisti

Get-Metadata Viewer

Da dove viene quella foto? Chi l’ha scattata? Come è stata creata? Get-Metadata Viewer è uno strumento gratuito online che ti lascia i metadati immagini.

Tipo posizione, ora, data di modifica, formato, dimensione del file – delle foto. Questo strumento valuta direttamente le informazioni, come l’autenticità di una foto.

Ma non solo, l’aspetto interessante è che puoi trovare queste informazioni preziose per video e test. Alla fine del lavoro cancelli il file e la privacy è preservata.

Wunderground

Per verificare le fonti, a volte, devi seguire vie traverse. Ad esempio, se c’è una foto ma non riesci a scoprire se è veramente stata scattata in quel luogo puoi cercare su wunderground.com/history l’area in questione. Così se il meteo tra foto e dati corrisponde hai una certezza in più. Ma non fermarti nella ricerca delle fonti.

Youtube DataViewer

Vuoi i metadati di un video YouTube per capire quando è stato caricato? Lo puoi fare con questo tool decisivo di Amnesty International: YouTube DataViewer. Estrapola anche dei fermo immagine per un lavoro di reverse search, ricerca inversa.

strumenti per verificare fonti
Estrapola i dati di Youtube DataViewer.

Questo ti consente di scoprire se quel contenuto è già stato usato altrove, magari con titolo diverso e forma differente in modo da creare una vera fake news.

Google Image

La reverse search di Google è uno degli strumenti per la verifica fonti più efficaci. Se cerchi un metodo per ottenere informazioni sull’attendibilità di una foto che ti hanno mandato puoi usare questo tool: vai su google.it/imghp e trascinala.

La devi inserire nello spazio indicato a destra. Così Google riconosce il soggetto e verifica se è già presente online. Così è facile capire se c’è aria di fake news.

Dati Governativi

Verifica delle fonti e il fact checking sono battaglie che si combattono sui numeri. Sul controllo dei dati. Ecco perché conviene avere sotto mano il sito www.dati.gov.it: insieme a quello dell’Istat è una delle collezioni più interessanti quando verifichi.

Public Data Google

Ecco un altro portale che puoi usare per scoprire una marea di dati pubblici che ti serviranno per le tue verifiche: su google.com/publicdata/directory trovi il materiale giusto per la tua verifica delle fonti. Non dimenticare: la verità è nei numeri.

Archive.org

Un sito web aveva informazioni diverse? E se magari nel tempo ha cambiato versione? Come risalire a una vecchia pagina web e conoscere gli argomenti che affrontava un sito web prima di ripulirsi? Lo puoi fare con la Wayback Machine

Questo tool di verifica è legato ad Archive.org. In pratica inserisci il permalink o l’URL principale di una risorsa nello strumento e scopri come era nel passato.

Forensically

Sul sito 29a.ch/photo-forensics trovi un insieme di strumenti gratuiti per l’analisi di immagini digitali. Puoi scoprire elementi duplicati, errori grafici e metadati.

Forensically
Analizza le immagini con Forensically.

La lente d’ingrandimento, ad esempio, ti consente di scoprire dettagli nascosti in un’immagine. Lo fa ingrandendo la dimensione dei pixel e aumentando il contrasto all’interno della finestra. Il rilevatore di aree clonate evidenzia zone simili all’interno di un’immagine e può essere un buon indicatore di manipolazione delle foto.

Domain Big Data

Vuoi scoprire chi si trova dietro un dominio e magari trovare delle informazioni utili per verificare informazioni che non si trovano online? Usa domainbigdata.com come strumento di Who Is in modo da scoprire i responsabili di un progetto web.

Google Maps

Inutile dire che questo strumento (google.it/maps) è fondamentale per la verifica delle fonti, per un particolare tipo di giornalismo investigativo e per scoprire se veramente un indirizzo esiste. O un palazzo ritratto in una foto ha quella forma.

In questo modo, grazie a questo inaspettato tool per la verifica delle fonti, puoi avere una carta in più da giocare nel tuo lavoro di blogging e giornalismo online.

Vessel Finder

Quante volte gli strumenti per verificare fonti ti spingono verso il controllo delle rotte nautiche? Se c’è qualche notizia che chiama in causa il movimento delle navi in tutto il globo puoi usare Vessel Finder. Vale a dire? Di cosa si tratta esattamente?

La cronaca di un incidente in mare.

Consente di individuare gli spostamenti in diretta delle navi in tutto il mondo. Ma puoi anche raccogliere informazioni sulle navi, sui proprietari e sulle rotte tipiche.

FlyWare

Tutte le informazioni necessarie per valutare come si muovono i voli, cosa fa un aereo, a chi appartiene se ci sono ritardi in vista e come si svolge il suo lavoro. Su it.flightaware.com trovi l’indirizzo, usa questo tool per verificare le tue notizie.

Pagella Politica

Ancora un lavoro di agenzia che dà valutazioni sulle notizie per capire se ci sono i germi della falsità in una pubblicazione, se invece è affidabile e c’è stata verifica delle fonti. Il sito di questo progetto si trova qui: pagellapolitica.it.

Da leggere: differenze tra blogging e giornalismo

Bot Sentinel

Quante volte hai sentito parlare di fake news diffuse da account Twitter falsi? Per scoprire queste dinamiche puoi usare Bot Sentinel, una piattaforma gratuita.

Obiettivo? Rileva e traccia bot e account Twitter non affidabili. Questo tool per la verifica delle fonti attendibili su questo social utilizza l’apprendimento automatico per:

  • Studiare gli account;
  • classificarli come affidabili;
  • o definirli inaffidabili.

Questo per identificare quelli automatizzati che condividono fake news. Quindi memorizza gli account in un database per tenere traccia di ogni account ogni giorno per esplorare l’effetto dei bot e della loro propaganda velenosa.

Scrivere per Informare

Questi argomenti, la ricerca e il controllo delle fonti, sono affrontati al meglio nel testo che ho scritto con Cristina Maccarrone.

Scrivere per Informare è un testo che suggerisce come controllare ciò che stai per riportare come notizia e pubblicare sempre articoli di qualità su blog e quotidiani

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

2 COMMENTI

  1. Riccardo grazie per la dritta di Hunter! Oltre alle email dà nome e cognome di chi lavora nella società o impresa legata al sito web, e con una breve ricerca su Google capisci subito il chi è chi di una determinata realtà che ti interessa. Inoltre c’è un’iconcina con il colegamento al relativo account twitter. Per me è preziosissimo e avrei voluto scoprirlo prima. Ma da oggi è un must.

    • Figurati, grazie a te che hai letto e apprezzato questa lista di strumenti per la verifica di fonti e informazioni.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here