Cos’è la content creation?

Il processo di content creation è fondamentale per chi si occupa di web marketing. Bisogna mettere in primo piano l'attività del creatore di contenuti quando si pianifica un'attività online.

Scrivere contenuti per il blog è un processo naturale per te. Lavori sodo, giorno dopo giorno, e dai al tuo blog una forma migliore. Ti fai conoscere, fai girare il tuo brand. In poche parole fai blogging. Questo significa fare una buona content creation.

Il lavoro del content creator.
Il lavoro del content creator.

Le persone cercano risposte, vogliono approfondire temi e affrontare argomenti. Tu puoi decidere di creare articoli per il blog e video per i canali social. Ma anche infografiche e podcast. Tutto dipende dalla strategia di content marketing.

Cos’è la content creation

La content creation è un meccanismo che permette di creare contenuti per la piattaforma specifica. Ad esempio un blog o un social network.

O una piattaforma come YouTube. L’obiettivo è creare contenuti di qualità. Tutto questo è importante ma non sempre facile. Perché? Le idee ci sono, devi ottimizzare il processo creativo.

Forse devi individuare le fonti necessarie per cucire il tuo lavoro intorno alle esigenze del pubblico. Devi migliorare la content creation, devi muovere i passi giusti per dare al tuo pubblico i contenuti che merita. Cosa significa?

Da leggere: i migliori tool per fare content marketing

Chi è e cosa fa il content creator

Il content creator è quella figura che si occupa della creazione di contenuti per una determinata piattaforma. Può essere un web content writer e quindi lavorare con la scrittura e il copywriting oppure si può occupare di video marketing o di podcast.

A capo di tutto c’è il content manager che gestisce l’intera strategia di content marketing. Spesso, però, queste figure coincidono (soprattutto nei progetti piccoli). Per le attività più impegnative, invece, è richiesta la presenza di diverse figure come:

Come fare content curation

Inizio a fare ricerche sull’argomento, raccolgo informazioni sul tema, valuto le fonti, cerco di colmare i vuoti e le carenze, archivio eventuali contenuti multimediali che potrebbero arricchire l’articolo. Ma soprattutto lavoro sui competitor online.

content creation

Studio i blogger che hanno già affrontato l’argomento. Qualcuno ha sicuramente pubblicato un post dedicato al tema che voglio affrontare. Io ho tre opzioni:

  • Ignorare i competitor e procedere per la propria strada per poi ritrovarti con un post obsoleto, inutile, incapace di farsi notare. Il motivo? Seguo strade già segnate.
  • Copiare i competitor e fare in modo che rimanga nello scalino più basso. D’altro canto cosa può ottenere un contenuto copiato? Perché i lettori dovrebbero scegliere te?
  • Studiare i competitor con attenzione per scoprire le carenze dei contenuti e le interazioni dei lettori. Motivo? Puoi trovare tante informazioni per creare contenuti unici.

Ci sono degli articoli che dominano la serp. Ma probabilmente hanno delle falle, sono incompleti, forse solo perché il tempo è passato e l’argomento si è evoluto.

Il proprietario non ha aggiornato la sua risorsa? Ecco perché avere un programma di aggiornamento dei post. Registra le carenze dell’articolo e controlla i commenti: lasciano osservazioni critiche? C’è qualche punto ignorato o trattato male?

Crea una buona strategia

Devi insinuarsi nelle mancanze degli autori, e lavorare sui punti indicati dai lettori. Ma puoi anche sfruttare la genericità del post. Hanno pubblicato “10 plugin dedicati ai blogger WordPress”? Rilancia un articolo dedicato ai plugin preferiti da:

In altre parole devi puntare alla nicchia. Devi abbandonare il sogno di scrivere per tutti e tagliare i contenuti intorno alla nicchia: così puoi fare la differenza.

Devi trovare le informazioni per diversificare il contenuto, per renderlo unico cercando di puntare verso le esigenze dei potenziali lettori. Puoi farlo studiando le community, le discussioni sui social ma anche i contenuti dei competitor.

Da leggere: come fare storytelling (visual e scritto)

Content creation: la tua opinione

Lavorare sul processo di content curation vuol dire anche puntare sui competitor, sulle persone che hanno lavorato prima di te su un argomento. Non devi copiare: devi studiare. E poi devi dare sfogo alla tua creatività e alla strategia online.

Devi individuare una strada utile per migliorare quello che stai per pubblicare. Sei d’accordo? Ti muovi anche tu in questo modo? Migliorerai la tua content curation inserendo questo passaggio? Mi interessa la tua opinione: lasciala nei commenti.

7 COMMENTI

  1. Ciao Riccardo,
    concordo con quanto hai scritto studiare il competitor. Prendere un articolo e completarlo o ancora meglio cucirlo intorno ad una nicchia credo che sia una soluzione vincente per il blogger, ma che allo stesso tempo aggiunge un valore in più per il lettore.

  2. Sono più che d’accordo con te Riccardo.

    Sempre più spesso mi capita di leggere commenti negativi su diversi blog, alcuni anche abbastanza conosciuti, che lamentano una scarsa varietà e originalità dei contenuti.

    Ecco che si viene a creare una falla nella comunicazione che solo un occhio attento può scoprire e colmare.

    Quindi d’accorsissimo con te!

  3. Ciao Riccardo, d’accordissimo con te. Una sola domanda: non trovi sia meglio, invece di aggiornare i post, scriverne di nuovi?

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here